Arriva la "neve rossa" sopra i 1000 metri

Data pubblicazione

Forti correnti di Scirocco che precedono la nuova perturbazione di origine atlantica, le cui avvisaglie iniziano a farsi apprezzare già da questa giornata di sabato, stanno trasportando dalle coste africane ingenti quantità di sabbia del deserto che in questo momento hanno raggiunto il nostro continente.

Si assiste, di conseguenza, a fenomeni di deposito rossastro nelle zone ove la pioggia le cattura in quota e, quello particolare, della "neve rossa" sulla zona delle Alpi e Prealpi o comunque su quote a partire dai 900 - 1000 metri.

Grazie allo Scirocco, le temperature sono lievemente sopra la media stagionale ma già da lunedì dovrebbero subire una lieve flessione sui valori minimi.

Un calo significativo delle temperature è invece previsto tra giovedì 11 e venerdì 12/2, quanto si sentiranno gli effetti di un nuovo nucleo depressionario in transito sull'Italia attorno a metà settimana.