Meno 11 gradi nella notte di Borzonasca

Temperature rigide nella notte in Liguria nell'entroterra e lungo la costa. Il record del freddo spetta a Pratomollo (Borzonasca, Genova) con -11.5 gradi, seguita da Monte di Mezzo (Santo Stefano d'Aveto, Genova) con -9.5, da Monte Settepani (Osiglia, Savona) con -9.3. Arpal segnala nevicate deboli nell'entroterra e qualche fiocco è caduto anche a Genova. Sono segnalati venti settentrionali con raffiche di burrasca forte che hanno toccato i 122.8 km orari a Casoni di Suvero e i 108 a Fontana Fresca (Sori, Genova). Considerate le condizioni meteo il centro Arpal ha emesso un avviso di allerta per freddo e vento.

Cinque minuti di pioggia intensa, vento forte, temporale e grandine

Un violento fenomeno precipitativo si è sviluppato su Genova attorno alle 10:15 di oggi (domenica 07/02/2021), caratterizzato da un violento nubifragio misto a grandine con fortissimi venti ciclonici che hanno spazzato la città.

Particolarmente violento sul settore orientale della città (vedi l'immagine della webcam di Meteogenova.it - ore 10:18), il fenomeno si è esaurito nel giro di cinque minuti riportando la situazione alle condizioni precedenti.

Un significativo calo delle temperature, attorno ai 2°C, ha qualificato ulteriormente il fenomeno.

Allerta meteo in arrivo

Genova – Peggiora il tempo sulla Liguria. Per i possibili rischi collegati agli effetti al suolo delle precipitazioni, l'agenzia regionale Arpal ha emanato per domani, lunedì 26 ottobre, una allerta meteo per piogge diffuse e temporali: sarà allerta gialla già dalla mezzanotte per diventare arancione nel centro e nel levante a partire da orari diversi nel mattino e fino alle ore 17, per tornare quindi gialla.

Scuole, le decisioni dei Comuni (elenco in aggiornamento)

Ad Arenzano e Cogoleto scuole chiuse per la giornata di domani, lunedì 26 ottobre.

Nel Levante

A Santa Margherita scuole aperte, a Recco scuole chiuse e mercato settimanale annullato, a Camogli e Sori scuole chiuse.

Leggi tutto: Allerta meteo in arrivo

Arriva la "neve rossa" sopra i 1000 metri

Forti correnti di Scirocco che precedono la nuova perturbazione di origine atlantica, le cui avvisaglie iniziano a farsi apprezzare già da questa giornata di sabato, stanno trasportando dalle coste africane ingenti quantità di sabbia del deserto che in questo momento hanno raggiunto il nostro continente.

Si assiste, di conseguenza, a fenomeni di deposito rossastro nelle zone ove la pioggia le cattura in quota e, quello particolare, della "neve rossa" sulla zona delle Alpi e Prealpi o comunque su quote a partire dai 900 - 1000 metri.

Grazie allo Scirocco, le temperature sono lievemente sopra la media stagionale ma già da lunedì dovrebbero subire una lieve flessione sui valori minimi.

Un calo significativo delle temperature è invece previsto tra giovedì 11 e venerdì 12/2, quanto si sentiranno gli effetti di un nuovo nucleo depressionario in transito sull'Italia attorno a metà settimana.

Conte firma il nuovo DPCM

Conte ha firmato il Dpcm che entra in vigore lunedì. La domenica e i giorni festivi bar e ristoranti potranno dunque rimanere aperti fino alle 18 come negli altri giorni. Gli scienziati: «Sì allo spostamento tra regioni». Stop palestre e piscine. Il documento resterà in vigore fino al 24 novembre 2020 salvo proroghe.

Tutti i punti salienti:

- la scuola: «L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a volgersi in presenza (...), le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica (...) incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari almeno al 75 per cento delle attività»
- gli spostamenti tra Regioni restano liberi

Leggi tutto: Conte firma il nuovo DPCM

Altri articoli...

  1. Ritorna l'ora solare