AstraZeneca nel mirino

E adesso, se permettete, il dubbio mi viene seriamente: oltre ad essere arginato da diversi paesi dell’UE, questo farmaco fatto in tutta fretta e dal costo molto o forse troppo conveniente comincia a lasciare una scia di vittime che fa pensare.

E poi non si è ancora capito bene il discorso delle trombosi sotto i 65-70 anni, mentre al di sopra va tutto ok? Ma ok per chi? Sembra proprio che la pensione renda immuni agli effetti collaterali del farmaco anglo-svedese, oppure: va bene solo all’INPS e a tutti gli istituti di previdenza sociale del pianeta che cercano di far fuori più pensionati possibili per ripianare i bilanci?

Ecco il solito bollettino su AstraZeneca aggiornato ad oggi 04/04/2021.

Buona Pasqua.

Genova. Un’insegnante di 32 anni che lo scorso 22 marzo era stata vaccinata con Astrazeneca è ricoverata all’ospedale San Martino in rianimazione a causa di un’emorragia cerebrale in un quadro trombotico.
La donna avrebbe cominciato a non sentirsi bene ieri e oggi è arrivata al pronto soccorso del nosocomio genovese dopo essere stata trovata in gravi condizioni nella sua abitazione.

“La Direzione del Policlinico ha attivato – si legge in una nota dell’ospedale – le previste segnalazioni nell’ambito delle procedure di farmacovigilanza verso AIFA”.
Il vaccino Astrazeneca era stato sospeso in mezza Europa, Italia compresa, dopo alcuni casi di decessi legati proprio a trombosi, poi la somministrazione era ripresa dopo il via libera di Ema ed Aifa. Proprio di oggi la notizia che il vaccino Astrazeneca è stato sospeso in Olanda.

Nel Regno unito intanto sono sette persone morte a causa di coaguli di sangue dopo essere state vaccinate con il siero di AstraZeneca: lo ha reso noto oggi la Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA). Ieri la stessa MHRA aveva detto di avere identificato 30 casi di eventi avversi riguardanti la coagulazione del sangue su oltre 18 milioni di somministrazioni dello stesso vaccino.

Fonte: Genova24.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *